Specialisti in Neurochirurgia Cranica e Spinale

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
logo neurochirurgia24 def

Per Urgenze h24:

Per Appuntamenti e Ricoveri:

+39 06 86275820
(09:00/14:00 – 15:30/19:30)

+39 06 862751 (h24)

Prenota Subito:

Clicca qui
oppure scrivi a segreteria@neurochirurgia24.it o compila il form

Dove Siamo a Roma

Clinica Villa Margherita:
Viale di Villa Massimo, 48
00161 – Roma

Specialisti in Neurochirurgia Cranica e Spinale

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Per Urgenze h24:

Per Appuntamenti e Ricoveri:

+39 06 86275820
(09:00/14:00 – 15:30/19:30)

+39 06 862751 (h24)

Prenota Subito:

Clicca qui
oppure scrivi a segreteria@neurochirurgia24.it o compila il form

Dove Siamo a Roma

Clinica Villa Margherita:
Viale di Villa Massimo, 48
00161 – Roma

Per Urgenze h24:

Per Appuntamenti e Ricoveri:

+39 06 86275820
(09:00/14:00 – 15:30/19:30)

+39 06 862751 (h24)

Prenota Subito:

Clicca qui
oppure scrivi a segreteria@neurochirurgia24.it o compila il form

Dove Siamo a Roma

Clinica Villa Margherita:
Viale di Villa Massimo, 48 – 00161 – Roma

Specialisti in Neurochirurgia Cranica
e Neurochirurgia Spinale

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Neurochirurgia Cranica

Idrocefalo

Cos’è l’idrocefalo e quali categorie di persone colpisce? Quali sono le cause della patologia e i sintomi più comuni? Quando è necessario l’intervento chirurgico?

Richiedi una visita agli specialisti di Neurochirurgia 24, un’équipe di neurochirurghi di eccellenza Roma: consulti e interventi chirurgici presso la Clinica Villa Margherita.

R

Sale operatorie moderne e all'avanguardia

R

Terapia intensiva polivalente attiva 24 ore su 24

R

Assistenza postoperatoria dedicata e rapporto personale col neurochirurgo di fiducia

R

Strumentazione radiologica avanzata con risonanza magnetica ad alto campo, tac a strato sottile e angiografo di ultima generazione con riduzione delle radiazioni

Sintomi, diagnosi e ipotesi terapeutiche

Che cos’è un idrocefalo?

L’idrocefalo è una condizione patologica che comporta l’aumento delle quantità di liquor nei ventricoli cerebrali e nello spazio subaracnoideo.

La classica forma della testa nei casi di idrocefalo neonatale è dovuta all’aumento di liquor che provoca una crescita anomala del volume del cranio.

Questa patologia non colpisce solo i neonati: l’idrocefalo normoteso, ad esempio, tende a comparire in particolare nelle persone anziane che superano i 60-65 anni.

Idrocefalo: cause e fattori di rischio

Le cause dell’idrocefalo possono essere diverse: dobbiamo subito distinguere tra idrocefalo congenito, che accompagna il paziente sin dalla nascita, e idrocefalo acquisito, provocato il più delle volte da altre condizioni patologiche. Queste le patologie più comuni che contribuiscono alla comparsa dell’idrocefalo:

  • encefalite, meningite o encefalocele;
  • emorragie intraventricolari o ematoma cerebrale;
  • spina bifida;
  • infezioni intrauterine;
  • stenosi/occlusioni dell’acquedotto mesencefalico;
  • trauma cranio encefalico;
  • neoplasie del sistema nervoso centrale.

Quali sono le tipologie di idrocefalo?

L’idrocefalo può essere classificato in tre differenti tipologie: idrocefalo ostruttivo e idrocefalo comunicante, che possono essere sia congeniti, sia acquisiti; idrocefalo normoteso, acquisito da adulti over 60.

Idrocefalo ostruttivo

L’idrocefalo ostruttivo, o non comunicante, è caratterizzato da ostruzioni nella circolazione del liquido cerebrospinale. Queste ostruzioni possono essere provocate da tumori nati nella regione delle cavità ventricolari o da tumori del cervelletto; da tumori benigni del sistema nervoso centrale; da un trauma cranio encefalico, da un’emorragia cerebrale o da infezioni.

Idrocefalo comunicante

L’idrocefalo comunicante, o non ostruttivo, è caratterizzato da un’anomala alterazione delle dinamiche di riassorbimento del liquor. Questo può essere provocato da numerose patologie: tumori cerebrali o spinali; ipertensione venosa o malformazioni artero-venose; diverse tipologie di emorragie intraventricolari come l’emorragia del prematuro e l’emorragia subaracnoidea.

Idrocefalo normoteso

L’idrocefalo normoteso è una condizione che colpisce l’adulto e in particolare l’anziano. Sulle cause della patologia ancora si discute: presumibilmente il problema della circolazione del liquor comporta un leggero aumento della pressione endocranica, che agisce sull’encefalo della persona anziana, solitamente più soggetto a danneggiamenti. Vista la difficoltà di circolazione del liquido cerebrospinale, si possono formare metaboliti in grado di provocare danni per le cellule cerebrali.

Idrocefalo: sintomi più frequenti

I sintomi dell’idrocefalo variano molto da caso a caso, ma soprattutto a seconda della tipologia. I sintomi di un neonato sono estremamente diversi rispetto a quelli di un anziano con idrocefalo normoteso: il neonato, ad esempio, dal momento che deve ancora sviluppare le ossa del cranio, avrà un rigonfiamento della testa per via dell’accumulo del liquido cerebrospinale; il cranio dell’adulto non subirà invece modifiche per ciò che riguarda il volume.

Sintomi idrocefalo neonatale

Ma quali sono i sintomi dell’idrocefalo neonatale? Questi i più comuni:

  • apnea;
  • vomito;
  • convulsioni e crisi epilettiche;
  • costante deviazione degli occhi verso il basso;
  • aumento abnorme del volume del cranio (macrocrania anomale);
  • irritabilità;
  • tensione della fontanella.

Idrocefalo: sintomi nell’adulto

Quando la persona adulta o anziana viene colpita da idrocefalo, compaiono i sintomi dell’ipertensione endocranica provocata dal rigonfiamento dei ventricoli cerebrali, che dipende a sua volta dell’accumulo in essi del liquor, che conduce alla compressione dei tessuti cerebrali. Ecco i sintomi più frequenti dell’idrocefalo nell’adulto:

  • difficoltà di coordinazione, equilibrio e deambulazione;
  • alterazione della vista, della memoria e dell’umore;
  • problemi di concentrazione;
  • mal di testa;
  • nausea e vomito;
  • incontinenza fecale e urinaria;
  • spasmi muscolari;
  • problemi cognitivi;
  • letargia.
Trattamenti e chirurgia mini invasiva
idrocefalo

Intervento chirurgico idrocefalo: quando farlo?

Per il trattamento dell’idrocefalo la tempestività e fondamentale. Tutti i trattamenti sono esclusivamente chirurgici. Per evitare qualsiasi danneggiamento irreversibile del sistema nervoso, è necessario intraprendere la terapia prima di un eventuale aggravamento del quadro clinico, affidandosi a esperti specialisti in neurochirurgia.

Quali esami devo fare per trattare l’idrocefalo?

Per diminuire i rischi di complicazioni è importante una diagnosi precisa e affidabile, eseguita mediante esami diagnostici strumentali. Questi gli esami diagnostici funzionali al monitoraggio e al trattamento dell’idrocefalo:

  • ecografia transfontanellare (per i neonati);
  • radiografia del cranio;
  • tomografia computerizzata (TC);
  • risonanza magnetica.

Quali sono le tipologie di intervento chirurgico?

L’intervento di neurochirurgia per idrocefalo viene adattato a seconda di età, patologie pregresse e gravità della malattia del paziente. Sono possibili tre tipologie di intervento:

  • intervento con shunt cerebrale: si tratta dell’intervento più frequente. Lo shunt è un dispositivo per il drenaggio inserito all’interno del ventricolo cerebrale, in anestesia totale. L’équipe chirurgica inserirà lo shunt dopo un’incisione dietro l’orecchio del paziente, collegando i cateteri precedente posizionati rispettivamente nella regione del ventricolo e nell’addome. Se la produzione abbondante di liquor causerà una forte pressione, lo shunt aprirà la sua valvola permettendo il drenaggio del liquido nell’addome e riducendo quindi la pressione intracranica;
  • ventricolostemia endoscopica: con l’aiuto di una piccola videocamera, il neurochirurgo eseguirà un foro in uno dei ventricoli della regione cerebrale, permettendo in questo modo di far fuoriuscire il liquido cerebrospinale dal cervello e ridurre la pressione intercranica;
  • cauterizzazione: ipotesi molto rara che consiste nella bruciatura o rimozione di alcune porzioni della regione cerebrale, funzionali alla produzione del liquor.

Post operazione idrocefalo normoteso: quale terapia?

Il paziente affetto da idrocefalo normoteso necessita di assistenza medica continua e controlli periodici dal neurochirurgo per monitorare gli eventuali progressi o guasti dello shunt.

I classici sintomi dell’idrocefalo normoteso come difficoltà di deambulazione e mancanza di controllo degli sfinteri, possono essere tenuti sotto controllo o migliorati nel giro di qualche settimana o mese. Il deficit delle abilità cognitive, al contrario, non è facilmente migliorabile.

Il punto fondamentale per chi viene colpito da questa malattia è la componente emotiva: l’intermediazione dei familiari tra paziente e specialista è cruciale per l’andamento del post operazione per idrocefalo normoteso.

Perché affidarsi a Neurochirurgia 24 per intervenire su pazienti affetti da idrocefalo?

Il team Neurochirurgia 24 è sempre disponibile per consulti medici e interventi chirurgici per patologie legate a neurochirurgia e neurotraumatologia, come tutte le tipologie di idrocefalo. La presenza di specialisti in neurochirurgia a Roma consente di procedere subito a una diagnosi altamente professionale: tutti i membri del gruppo Neurochirurgia 24 contano esperienze lavorative prestigiose in cliniche e ospedali all’avanguardia in Europa e nel mondo.